Al Castello Ducale di Torremaggiore si è chiuso ieri sera, 14 luglio, il FESTIVAL MUSICALE CASTEL FIORENTINO, prcastelloomosso dall’Associazione Culturale Mozart e al quale anche quest’anno l’associazione La Peranzana ha voluto collaborare. Coniugare eccellenze culturali ed eccellenze della produzione locale, Peranzana in primis,  è sempre stato un obiettivo dell’associazione che è stata ed è sempre pronta ad unirsi con chi vuol promuovere il territorio e renderlo consapevole delle potenzialità culturali e produttive che esso genera.

L’associazione, a riprova che il territorio e le aziende associate stanno crescendo anche di numero, ha deciso di creare una rotazione delle aziende  partecipanti al festival dando la precedenza a quelle che non avevano partecipato l’anno scorso. Alle quattro serate di quest’anno hanno infatti partecipato: DOMLUIS dei fratelli Angeloro, Moffa, F di Fortinguerrmoffaa Francesa e Azienda Agricola Costantini di Beccia Gianluigi. Le aziende hanno concordato con lo chef Attilio Santobuono, anche lui eccellenza locale, gli assaggi da preparare tutti conditi con olio di Peranzana. Non solo Peranzana, però, ma anche gli altri prodotti della agricoltura locale che stanno man mano puntando sulla filiera corta, che significa produrre il prodotto finale per il consumatore e non vendere la materia prima che porta il valore altrove. Il buon vino,fortinguerra produzione che per prima ha puntato sulla qualità e sul prodotto finale in bottiglia, l’olio monovarietale di Peranzana, la Peranzana da mensa, i prodotti caseari della affermata azienda Cordisco, la pasta artigianale che sta prendendo piede negli ultimi anni, il Mirinello altra specificità del domluisterritorio e i più giovani tentativi di produrre conserve di zucche, asparagi e altri prodotti del territorio.

Dunque buona musica fatta dalle eccellenze locali, in primis i fratelli Trematore, e gli artisti Michele Solimando, Costantino Minchillo, Nazario Vasciarelli, Giorgio Gressani, Martina Alonso Benavides, Claudia Do Minh Ramos, Ludovica Rana, Alessandro Acri, Emilio Tricarico, che sono riusciti a creare quattro magnifiche serate di grande ascolto. becciaLa riprova della bontà della collaborazione e della riuscita del Festival, il cui gran merito va al presidente dell’associazione  Musicale Mozart Michele Trematore e al direttore artistico Angela Trematore, è data dal folto pubblico che ha seguito le serate, anche quelle fortemente piovose, e ha partecipato alle degustazioni  offerte dalle aziende. Il botto finale c’è stato sabato con una stand ovation a Ferdinando Trematore per l’eccellente esecuzione del quartetto di archi e pianoforte di un brano da lui composto “MAGIS”.

Le aziAziendeende associate che hanno partecipato questo anno seguono a quelle del festival 2018: Agricola Pannarale, Nonno Vittorio e Eredi Pallante. Tutte, insieme alle aziende di produzione di vino e pasta che hanno partecipato alle edizioni del Festival non rappresentano tutta la realtà produttiva del territorio della Peranzana  ci sono altre realtà che producono in qualità Peranzana e dintorni che sicuramente riusciremo a coinvolgere nel prossimo festival che speriamo sarà realizzato nel 2020.

Serata Conclusiva del Festival Musicale Castel Fiorentino 2019